Ritorna dopo grande attesa per tutti gli amanti dei gusti e dei sapori tipici del Baldo,  la 13ˆ Festa del Tartufo Nero, un evento che va oltre l’appuntamento gastronomico tradizionale, proponendo mostre, degustazioni, manifestazioni di piazza e folclore. Per gli amanti di questo “Frutto della Terra” sarà l’occasione per evidenziarne l’unicità, proponendo e valorizzando il prodotto locale e naturale.

Sede della manifestazione sarà la piazza centrale del Paese dove verranno allestite le tensostrutture e proposti piatti tipici a base di tartufo, il tutto accompagnato da musica ed intrattenimento per tutta la durata della manifestazione.  Circa 1700 m di tensostrutture accoglieranno i visitatori per le degustazioni di ottimi piatti a base di questo fungo ipogeo come gnocchi, lasagne, polenta, carpaccio, spadellata di carne, bruschette, formaggio e altre specialità.

Ritorna la prestigiosa Fiera Montebaldina che trova salde le sue radici nel territorio,  nella tradizione, nei prodotti e nei sapori tipici del Baldo. Un evento di rilievo ormai giunto alla 269^ Edizione, tra i più antichi nel territorio veronese, con l’obiettivo di ripercorrere le attività culturali e valorizzare le attività enogastronomiche del territorio del Baldo assaporandone tradizioni e radici. Un punto di riferimento per le comunità locali (e non solo), con la finalità di promuovere e valorizzare i fornitori di prodotti e servizi qualificanti per il territorio.

La Fiera coinvolgerà tutte le zone centrali del paese con mostre ed esposizioni. Piazza Stringa ospiterà, gli stand enogastronomici di “Baldo da gustare”, i qualifaranno rivivere i sapori della tradizione con una proposta culinaria che vedrà protagonisti i Prodotti del Baldo, tra i principali, riso, vino, formaggio, salumi, pasta fresca, tartufo nero.  Cinque giornate ricche di appuntamenti di cultura, folklore e tradizione popolare per i grandi e i più piccoli che potranno divertirsi nell’area luna Park a loro dedicata.

Pazzon è una frazione di Caprino e da qui parte una bellissima passeggiata ad anello che dal centro di Pazzon scende verso la valle del torrente Tasso per poi raggiungere località Porcino per poi risalire a Pazzon.

La Villa Veneta seicentesca di Palazzo Carlotti

L’opera “Il Compianto sul Cristo morto”, dopo otto anni di restauro, è tornata a Caprino, suo paese di origine, inaugurata con una cerimonia ufficiale presso la sede municipale di Palazzo Carlotti. Attribuito al Maestro di Sant’Anastasia, il gruppo scultoreo è costituito dal Cristo deposto nel sudario a grandezza naturale. In questa rappresentazione è centrale il corpo morto di Gesù, il cui volto diventa la narrazione della sofferenza nonché dell’angoscia e della tragicità umana della morte stessa. Ai capi è sorretto da Giuseppe d’Arimatea e da Nicodemo, che presentano un’asportazione delle parti inferiori degli arti e degli avambracci. Infine a piangere Gesù si possono ammirare le sculture di Giovanni, apostolo preferito, la madre e due donne pie riconducibili, secondo il Vangelo di Giovanni, a Maria di Cleofa e Maria Maddalena.

Informazioni utili

Villa Carlotti, Piazza Roma, Caprino Veronese, VR, Italia

Registrati

Password dimenticata?